I ceci neri sono una varietà del cicer arietinum molto prodotta in Italia, precisamente nelle zone della Murgia Barese e Materana dove si coltivano da sempre. 

In Puglia sono chiamati gniur e sono quelli che spuntano qua e là tra i ceci gialli: statisticamente, se così si può dire, se ne trovano in genere quattro o cinque ogni chilo di ceci.

La Murgia carsica è proprio l’area meridionale delle Murge baresi che comprende i comuni di Acquaviva delle Fonti, Cassano delle Murge e Santeramo in Colle. Quest’area è così importante per l’agricoltura locale che è diventata Presidio Slow Food

Abbiamo provato ad abbinare questi particolari ceci neri ad un altro nero pregiato della tavola degli italiani: il nero di seppia. Abbiamo creato così una crema perfetta per i nostri occhi di lupo Oro Di Gragnano, in grado di trasformare un piatto tradizionale come la pasta e ceci in un primo piatto sfizioso e particolare. 

Lo sposalizio legumi e molluschi è vincente si sa! Provare per credere!

 

 

Ingredienti per 4 persone

Tempo di preparazione e cottura 2 ore

200 g di ceci neri

1 scalogno

1 costa di sedano

1 seppia con sacchetto dell’inchiostro

50 g di Passata di pomodoro

Olio extra vergine d’oliva

sale e pepe 

300 g di Occhio di lupo Oro di Gragnano

Tenere a bagno i ceci neri per un giorno e una notte intera, poi lavarli e lessarli in acqua salata.

Mettere in una teglia capiente l’olio e fare imbiondire lo scalogno e il sedano tritati finemente. Aggiungere le seppie tagliate a pezzettini e il nero contenuto nei sacchetti e rigirare il tutto.

Versare poi la passata di pomodoro, i ceci lessati e scolati, sale e pepe.

Cuocere per circa 20 minuti.

Fare bollire l'acqua e cuocere gli occhi di lupo per 10min, scolarli conservando una tazza di acqua di cottura da aggiungere al sugo se risulta troppo secco. Versare gli occhi di lupo nel sugo e farli insaporire. 

Scopri tutte le nostre news ☞

Pastificio Sorrentino - Copyright 2016 - Tutti i diritti riservati